Di più su di me...

Psicologa Torino Image 1
Studio_0665_Virgilio_Ardy_Ardyphoto_edit

Sono la Dott.ssa Michela Grimaudo 

Sono una P​sicologa libera professionista laureata all'Università degli Studi di Torino e una Psicoterapeuta ad orientamento psicoanalitico.

Sono iscritta all'Ordine degli Psicologi del Piemonte e ho collaborato per anni con l'ASL di Torino, prima con il Centro di Salute Mentale (CSM) e poi con il Centro di Psicoterapia.

Come libera professionista ho svolto attività presso il Centro "Psicologia Torino" e "Psy-Coworking", ed attualmente svolgo attività privata presso il mio studio di Via Juvarra, 1 in collaborazione con la mia collega.

Come previsto dal mio iter formativo e professionale sto svolgendo un percorso di analisi personale e ho scelto di farlo con uno psicoanalista SPI del Centro Torinese di Psicoanalisi.

...e la Psicoanalisi

Psicologa Torino Image 2
Psicologa Torino Image 3

Una definizione di Psicoanalisi

Classicamente con il termine Psicoanalisi si intende la disciplina scientifica in origine fondata da Sigmund Freud dal 1885 al 1939 basata sull'inconscio, e poi evolutasi in molteplici scuole teoriche e tecniche.

La possiamo intendere come una teoria del funzionamento della mente e un metodo di cura e di ricerca che si avvale di strumenti come l'ascolto, le libere associazioni, le interpretazioni, i sogni e moltissimi strumenti di natura prettamente tecnica.

Psicologa Torino Image 4

Parole famose per spiegarla...

"Noi non trattiamo i pazienti curandoli per qualcosa che è stato loro fatto nel passato; piuttosto, cerchiamo di curarli per qualcosa che ancora fanno a se stessi e agli altri , per adattarsi a ciò che fu loro fatto nel passato."

-Bromberg 1996

...e le mie parole per declinarla.

Psicologa Torino Image 5

La mia idea di lavoro terapeutico è di co-creazione e co-narrazione nella relazione con l'altro.

Cercare di trasformare il non pensabile e il non esistente in pensabilità, in emozioni vive e vivibili, in sogno e in altri modi di essere al mondo.

Mi affascina il gioco di parole “rendere inconscio ciò che è troppo conscio” cioè trasformare la realtà in qualcosa che sia possibile sognare.

Come preferisci conoscerci?